Contributo di Dino Greco all’iniziativa “Berlinguer e l’Europa”

“Berlinguer e l’Europa, i fondamenti di un nuovo Socialismo” – Roma 06 marzo 2015

L’ambizione politica del Manifesto di Ventotene di Altiero Spinelli e – molto più in profondità – la tenace battaglia di Enrico Berlinguer per portare la lotta per la trasformazione sociale e politica in una dimensione europea, la sola ove si riteneva concretamente possibile difendere efficacemente la pace, contrastare il pericolo di ritorno della guerra fredda, contrastare il pericolo dell’olocausto nucleare, promuovere su basi inedite lo sviluppo della democrazia, trovavano ragione, alla fine degli anni Settanta, in una catena di circostanze storiche molto ben definite e dio sa quanto lontane, ad oltre trent’anni di distanza, dall’attuale stato delle cose. La presenza dell’Urss, la liquidazione dei fascismi in Grecia, in Portogallo e in Spagna e, soprattutto, la forza ancora grande del Partito comunista italiano, nonché lo straordinario prestigio internazionale del suo segretario generale, l’interlocuzione feconda con Willy Brandt e Olof Palme, la stessa, se pur contraddittoria e altalenante tessitura dell’eurocomunismo intrapresa con i partiti comunisti francese e spagnolo per l’affermazione di una via originale al socialismo, diversa dal modello sovietico e dallo smottamento mercatista delle socialdemocrazie passate per la cruna dell’ago di Bad Godelsberg, erano fattori che schiudevano la possibilità di una nuova pagina della storia d’Europa e del mondo. Una pagina potenzialmente capace di rompere definitivamente lo scenario bipolare della guerra fredda e di portare la lotta per l’egemonia delle classi lavoratrici, del lavoro, ad uno stadio mai prima raggiunto in Occidente. Continua a leggere “Contributo di Dino Greco all’iniziativa “Berlinguer e l’Europa””